Hai dubbi su di un ex dipendente o socio di concorrenza sleale?

La nostra agenzia Intercontinental investigazioni operante dal 1958 nel settore da tre generazioni – autorizzata ed accreditata alla Prefettura di Napoli – attraverso la sua esperienza e gli strumenti a disposizione sarà in grado di risalire ed accertare illeciti a danno del cliente committente del mandato e accertando, laddove esista la Concorrenza Sleale di un ex dipendente o socio imputabile di reato, fornendo tutte le prove necessarie da utilizzare in fase giudiziale.

Concorrenza sleale Ex Dipendente: LA LEGGE COSA PREVEDE
Il dipendente in linea di massima non può svolgere attività in concorrenza con il proprio datore di lavoro, anche nei casi in cui non abbia firmato un patto di non concorrenza. L’obbligo di fedeltà grava su tutti i lavoratori subordinati, come stabilito dal Codice civile (Art. 2015: “il lavoratore non deve trattare affari per conto proprio o di terzi in concorrenza con l’imprenditore, né divulgare notizie attinenti all’organizzazione e ai metodi di produzione dell’impresa o farne uso in modo da poter recare pregiudizio all’azienda”) indifferentemente dalla firma di patti di non concorrenza esplicitamente citati nel contratto collettivo o individuale.

blog concorrenza sleale

La violazione dell’obbligo di fedeltà, il dipendente può essere licenziato, sia che l’attività concorrenziale sia svolta dietro retribuzione che a titolo gratuito. L’obbligo di fedeltà e di divieto di concorrenza sleale spetta anche al collaboratore sia esso occasionale che a Partita IVA. Non è importante un inquadramento specifico del lavoratore, ma l’attività svolta chiaramente in concorrenza a favore di un altro datore di lavoro.

Quando la Concorrenza Sleale è reato?

Il reato di concorrenza sleale si configura, quando sussistono tutte le condizioni necessarie affinché tra due soggetti si instauri un regime concorrenziale cioè quando due aziende operano nello stesso ambito e si rivolgono alla stessa clientela.

I principali atti di concorrenza sleale riconosciuti come oggetto di indagine sono i seguenti:

Atti confusione; Atti di denigrazione; Atti di appropriazione; Atti non conformi alla correttezza professionale

Dunque, tra le attività investigative più richieste al nostro istituto, sicuramente le indagini di Concorrenza Sleale sono tra le principali, al fine di poter ottenere prove certe che possano costituire elementi probatori per smascherare un reato con successivo risarcimento dei danni da richiedere in sede giudiziaria.