Intercontinental Investigazioni autorizzata dalla Prefettura di Napoli dal 1958 produce indagini utili a stabilire con certezza tutti gli illeciti a danno di terzi ed accertare la concorrenza sleale di dipendenti o soci – violazione del patto di non concorrenza- come reato.

 Cos’è il patto di non concorrenza?

Il Patto di Non Concorrenza è un accordo con il quale una parte si obbliga a non svolgere attività, direttamente o indirettamente, in concorrenza con un’altra parte.

Questo documento limita l’attività di una persona fisica (es. lavoratore, socio, professionista) o di una persona giuridica (es. società). Il patto di non concorrenza impedisce di svolgere attività in concorrenza sia per conto proprio sia attraverso un altro soggetto. Ad esempio, questo patto impedisce a un soggetto di produrre gli stessi beni o servizi di un altro, oppure di svolgere attività nello stesso mercato o per gli stessi clienti

Il patto non può però essere generico e non può impedire del tutto lo svolgimento dell’attività dell’obbligato. Deve quindi specificare i limiti di attività, di territorio e di durata dell’obbligo di non concorrenza. Inoltre, in caso di inadempimento dell’obbligo di non concorrenza, chi ha violato il patto sarà tenuto a pagare una penale stabilita dalle parti e a risarcire eventuali danni ulteriori.

A tal proposito l’Intercontinental Investigazioni con investigatori auto- rizzati dalla Prefettura di Napoli -svolge indagini per accertare compor tamenti  illeciti e sleali attraverso attività’ di intelligence ( raccolta infor. mazioni/ indagini) e attività’ operativa quale pedinamenti, osservazioni e sopralluoghi).

Lo scopo di detta attività investigativa e’ la raccolta di prove  documen- tali e testimoniali da poter utilizzare come elementi probatori inconfuta- bili in ambito giudiziale.

Concorrenza sleale Ex Dipendente

La legge, in merito alla Concorrenza Sleale di un ex dipendente , si struttura in fonti normative diverse : Costituzione, nel Codice Penale, nello Statuto dei Lavoratori, nel Codice Civile e  nel Codice della Proprietà Industriale.

Qui di seguito le norme a cui fare riferimento a tutela dell’ex datore di lavoro.

Le norme qualificano la Concorrenza Sleale di un ex dipendente in:

  • atti idonei a creare confusione con l’attività di un concorrente ex art. 2598, c.c.;
  • atti tendenti ad influire scorrettamente sulle scelte del pubblico, incidendo negativamente sulla altrui immagine e positivamente sulla propria ex art. 2598 n. 2, c.c.;
  • in via residuale, tutti gli atti di concorrenza diversi dai precedenti compiuti con modalità non conformi alla correttezza professionale art. 2598 n. 3, c.c.;
  • infine, quando gli atti di concorrenza sono compiuti con dolo o con colpa, l’autore degli stessi è tenuto al risarcimento dei danni e può essere pubblicata la sentenza (c.c. art. 2600).

Quando la Concorrenza Sleale è reato

Il reato di concorrenza sleale si configura, quando sussistono tutte le condizioni necessarie affinché tra due soggetti si instauri un regime concorrenziale cioè quando due aziende operano nello stesso ambito e si rivolgono alla stessa clientela.

Le nostre indagini prevedono una serie di strumenti utili a circoscrivere con certezza tutte le evidenze dell’illecito a danno del Cliente e ad accertare la Concorrenza Sleale come reato.

I PRINCIPALI ATTI DI CONCORRENZA SLEALE OGGETTO DI INDAGINE SONO:

  • Atti di confusione:
    – utilizzo di nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o con i segni distintivi usati da un’altra azienda;
    – imitazione prodotti di un concorrente;
    – atti idonei a creare confusione con i prodotti e con l’attività di un concorrente;
  • Atti di denigrazione: diffusione di notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull’attività di un concorrente, idonei a determinarne il discredito.
  • Atti di appropriazione: appropiarsi di pregi dei prodotti o dell’impresa di un concorrente
  • Atti non conformi alla correttezza professionale: avvalersi direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l’azienda concorrente. 

Intercontinental Investigazioni inoltre svolge attività anche in ambito di spionaggio in- dustriale – dipendenti infedeli- violazione patto concorrenza – dal 1958 con preventivi gratuiti in sede.